Salva

Salva

Assicurazione

Copertura assicurativa per i TSRM del Collegio di Pisa LIvorno Grosseto

La nuova polizza stipulata dal Collegio di Pisa  Livorno Grosseto per i propri iscritti, condizioni e regolamento.
[Adobe Acrobat PDF - 187.42 KB]


Si suggerisce un'attenta lettura delle condizioni assicurative. La nostra convenzione esclude le franchigie.

>>>Domande frequenti


LEGGE 8 marzo 2017, n. 24 
Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonche' in materia di responsabilita' professionale degli esercenti le professioni sanitarie.
(17G00041) (GU Serie Generale n.64 del 17-03-2017)

 

omissis... "AZIONE DI RIVALSA O DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA
Il legislatore è interessato anche alla tutela del patrimonio degli enti oggetto di azioni per responsabilità degli esercenti la professione sanitaria
 
 Azione di rivalsa o di responsabilità amministrativa (art. 9):  l’azione di rivalsa contro l’esercente la professione sanitaria può essere esercitata solo in caso di dolo o colpa grave; se l’esercente non è stato parte del giudizio o della procedura stragiudiziale di risarcimento, l’azione può essere esercitata solo a risarcimento avvenuto ed è esercitata a pena di decadenza entro un anno dall’avvenuto pagamento;  la decisione pronunciata nel giudizio promosso contro la struttura o la compagnia di assicurazione non fa stato nell’azione di rivalsa se l’esercente non era parte del giudizio; la transazione non è mai opponibile all’esercente nel giudizio di rivalsa; l’azione di responsabilità amministrativa per dolo o colpa grave nei confronti dell’esercente è esercitata dal pubblico ministero presso la Corte dei conti; l’importo della condanna per singolo evento in caso di colpa grave non può superare una somma pari al valore maggiore della retribuzione lorda conseguito nell’anno di inizio o in quello precedente o successivo della condotta causa dell’evento, moltiplicato per il triplo; per i tre anni successivi al passaggio in giudicato della sentenza di accoglimento della domanda risarcitoria, l’esercente la professione sanitaria non può essere preposto ad incarichi superiori a quelli ricoperti; pari limitazioni all’importo di condanna sono previsti per l’azione di rivalsa e di surrogazione ai sensi dell’art. 1916, comma 1 c.c.; nessun limite all’importo di condanna all’attività degli esercenti la professione sanitaria svolta al di fuori delle strutture o che la prestino all’interno delle stesse in regime libero-professionale, ovvero che si avvalgano delle medesime per l’adempimento dell’obbligazione assunta con il paziente;  possono essere desunti argomenti di prova dalle prove assunte nel giudizio instaurato dal danneggiato solo se l’esercente la professione sanitaria ne è stato parte."

Sei qui: Home